Viaggio nel Santuario Basilica Nostra Signora della Guardia con Oj Eventi

Viaggio nel Santuario Basilica Nostra Signora della Guardia

Santuario Basilica Nostra Signora della Guardia

Viaggio nel Santuario Basilica Nostra Signora della Guardia

Santuario Basilica Nostra Signora della Guardia– A Ceranesi, piccolo comune di quasi 4000 abitanti dell’area metropolitana di Genova sorge il Santuario Basilica Nostra Signora della Guardia. Collocato sul monte Figogna della Val Polcevera, il monte è chiamato anche monte della Guardia proprio per la presenza del santuario, luogo di grande devozione mariana genovese.

Perché il Santuario si chiama “della Guardia”?

Il nome si deve al fatto che anticamente sul monte Figogna sorgeva una postazione d’avvistamento necessaria per localizzare l’arrivo di potenziali nemici e proteggere  le mura genovesi. Il monte fu inoltre sede di postazioni belliche sia durante la guerra di successione austriaca che durante la seconda guerra mondiale. Lungi dalle guerre, il suffisso è poi rimasto a descrivere il santuario.

La storia

La nascita del Santuario Basilica Nostra Signora della Guardia risale precisamente al 29 agosto del 1490, anno in cui accadde un evento prodigioso. Pare un contadino di nome Benedetto Pareto, mentre era intento a pascolare il suo gregge sul monte, ebbe la visione della Madonna. La Santa Vergine gli chiese di costruire una cappella proprio in quel luogo. Incredulo tanto per la visione Mariana quanto sul perché la Madonna avesse scelto proprio lui, decise con grande devozione di avviare il progetto di costruzione.

Il percorso e la costruzione del Santuario

Dopo la costruzione della piccola cappella di Benedetto, tutt’oggi visibile, cominciarono i primi pellegrinaggi. Devoti pronti ad affrontare otto kilometri di percorso in salita su strada sterrata che solo successivamente venne asfaltata. Poiché i pellegrini divennero sempre più numerosi, si pensò alla costruzione dell’attuale Basilica, comunque non prima del 1890. Il lavoro richiese lo sforzo di tutti gli abitanti del paese per il trasporto dei materiali e la costruzione. Successivamente si scoprì che il terreno sul quale era stata edificata cedeva, venne quindi demolita e ancora ricostruita sino a giungere al “Santuario Basilica Nostra Signora della Guardia” come lo conosciamo oggi.

La struttura della Basilica

Progettata in seguito alla demolizione dall’ingegnere Calmieri, la chiesa ha una struttura a croce latina e a tre navate. L’ interno del Santuario Basilica Nostra Signora della Guardia ci trascina sin da subito in un clima di profonda spiritualità. A lasciarci a bocca aperta e con il naso all’insù sono gli affreschi di Arzuffi presenti sulla volta, raffiguranti la Madonna circondata dai Santi protettori della Repubblica di Genova. Dietro l’altare fa capolino la statua della Madonna della Guardia, scolpita da Canepa.

Le cappelle

Di fianco l’altare con la statua della Madonna della Guardia, notiamo due cappelle laterali: una dedicata a San Giovanni Battista e l’altra a San Giuseppe. Nella seconda cappella di destra, è collocato invece un altare in devozione alla Santa Giovanna Beretta Molla. Questa cappella incuriosisce e intenerisce per i tanti fiocchi rosa e celesti, piccoli atti di devozione dei neo-genitori che affidano i loro bambini alla protezione della Madonna della Guardia.

Se questo articolo vi ha convinti a unirvi ad un gruppo di pellegrini visitate il sito del Santuario  Basilica Nostra Signora della Guardia. Dal sito avrete la possibilità di compilare un form online in cui avvisare del vostro prossimo arrivo, perché possiate essere accolti con consapevolezza, rispondendo alle vostre esigenze. Lungo il percorso, oltre varie strutture adibite al pernottamento, vi sono diversi luoghi di ristoro in cui potrete rifocillarvi in tutta tranquillità. Siete già in partenza? Allora non mi resta che augurarvi buon viaggio!

E tu ci sei già stato a questo Santuario? Ne hai altri da suggerire? Scrivici e condividi!

Articolo di Alessandra Longo