Teatro Sistina, "il teatro dei romani"! - Oj Eventi

Teatro Sistina, “il teatro dei romani”!

Teatro Sistina

Teatro Sistina, “il teatro dei romani”!

 

Teatro Sistina

Teatro Sistina

Nato con il nome di Palazzo Sistina, il Teatro Sistina è collocato nell’omonima via. Si trova in una strada che ha tanto passaggio pedonale, è molto conosciuta e ne prende per questo il nome stesso. Si tratta di uno dei complessi più importanti e rinomati di Roma.

Nel 1949 avviene la sua inaugurazione. All’inizio si pensava di dedicare il luogo a due arti: il cinema e il teatro, per questo il Teatro Sistina era chiamato un cinema-teatro.

Successivamente, a fine 1950, si decise di dedicare il posto esclusivamente al teatro. Questo soprattutto per avere una linea più definita.  Successivamente divenne un teatro da rivista. Il primo spettacolo prodotto fu quello dal titolo Bada che ti mangio. Qui i protagonisti furono Totò e Isa Barzizza. Più avanti, però, si decise nuovamente di ricadere sulla cinematografia. Questo per avere un tornaconto più prosperoso dal punto di vista economico.

 

Da Palazzo Sistina a Teatro Sistina

Inizialmente il palazzo Marcello Piacentini progettò il palazzo. L’incarico gli fu dato dall’ECI, sigla che sta per Esercizi Cinematografici Italiani. Egli creò un edificio molto grande e imponente. Successivamente la direzione del teatro cambiò. Per questo motivo lo stesso complesso passò sotto il possesso dell’Ente Nazionale Industrie Cinematografiche. Quest’ultimo decise di rendere più piccole le dimensioni del palazzo. Questo ente, contemporaneamente, si occupò di far costruire moltissimi altri teatri nella Capitale. Ciò fu la prova che il teatro stava diventando una delle colonne portanti della cultura artistica italiana. I lavori cominciarono nel 1946 e durarono tre anni circa, fino all’inaugurazione.

Si tratta di una delle strutture più amate d’Italia, sia per la sua grande ricchezza storica, sia per la bellissima zona in cui è collocato. Nella sala sono presenti circa 1500 posti.

Inizialmente era conosciuto con il nome di Palazzo Sistina, ma in un secondo momento fu chiamato esclusivamente Teatro Sistina. Grazie all’impegno degli enti, degli attori, degli autori e della produzione divenne, e lo è ancora oggi, il punto di riferimento di molti spettatori. Un luogo di leggerezza e spensieratezza e uno dei più importanti teatri non solo di Roma, ma del mondo.

 

1950: anno della svolta con lo spettacolo La Bisarca

La Bisarca fu lo spettacolo che fece fare il boom al Teatro Sistina e che debuttò nel 1950.

La sceneggiatura è di Pietro Garinei e Sandro Giovannini, che avevano già avuto prima di allora una carriera notevole. Si tratta di una commedia che venne poi anche riprodotta cinematograficamente con il passare degli anni.

 

Piero Garinei e Sandro Giovannini al Teatro Sistina

I due autori de La Bisarca ottennero moltissimo successo e, grazie alle loro produzioni, diventeranno le colonne importanti della Commedia musicale. Nel 1952 ci sarà il debutto di altri tre spettacoli destinati ad ottenere un grande eco da parte del pubblico. Fra questi: Renato RascelAttanasio cavallo vanesio, Alvaro piuttosto corsaro e Tobia, la candida spia. I due autori hanno dato  vita ad alcune delle opere teatrali più belle e amate di sempre. Con loro il Teatro Sistina inizia ad avere il periodo del suo massimo eco proprio negli anni ‘50 ed è riuscito ad arrivare fino ai nostri giorni.

Portarono una ventata di allegria e serenità alle persone grazie alle loro sceneggiature ricche di goliardia e spensieratezza. Tra i loro pezzi più importanti ci sono sicuramente gli spettacoli Aggiungi un posto a Tavola, Rugantino, Ciao Rudy, Il Giorno della Tartaruga e Alleluja brava gente.

 

Il teatro oggi

Dal marzo 2003 il Teatro Sistina, proprio grazie alla sua importanza, è stato additato dal Ministero per i Beni e le Attività culturali come Teatro stabile della Commedia Musicale Italiana. Oggi il teatro, detto anche ‘teatro dei romani’, si trova sotto la direzione artistica di Massimo Romeo Piparo. Grazie ai quarantasei anni di attività , Giovannini e Garinei hanno donato al teatro un successo che si è protratto fino ai nostri giorni.

Molti dei suoi spettacoli hanno avuto così tanto successo, da essere rappresentati in moltissimi altri Paesi ed essere tradotti in più di 13 lingue. In questo modo la commedia italiana del teatro ha avuto la possibilità di farsi conoscere anche all’estero.

 

Gli attori che hanno avuto successo al Teatro Sistina

Il Sistina ha donato fortuna non solo alle sceneggiature e ai loro autori, ma anche a moltissimi attori e attrici che li hanno rappresentati e ne hanno fatto parte.

Tra questi ci sono sicuramente Johnny Dorelli, Marcello Mastroianni, Massimo Ghini e Gigi Proietti. E ancora: Walter Chiari, Sabrina Ferilli, Gino Bramieri, Enrico Montesano e tanti altri!

Il Sistina ha ospitato anche moltissimi spettacoli stranieri come West Side Story, e autori come Woody Allen.

 

Gli spettacoli più recenti

Tra gli ultimi successi del Teatro Sistina vi è lo spettacolo dal titolo Peter Pan, una nuova versione di Aggiungi un Posto A Tavola e Poveri ma Belli. Il primo di questi in particolare ha ottenuto  tantissimo successo.

Il Teatro Sistina è un posto ricco di storia teatrale e cinematografica, sia per gli spettacoli che hanno avuto luogo qui, sia per gli attori che ne hanno fatto parte e che ancora oggi ne fanno un punto di riferimento. Il teatro ha contribuito a dare spensieratezza a moltissimi italiani e stranieri. H anche il merito di aver fatto conoscere la commedia italiana e il suo valore a tutti e in molti sono riuscita ad apprezzarla. Tutto questo è stato possibile soprattutto grazie a Garinei e Giovannini, che sono riusciti a creare delle basi solide per fare apprezzare il teatro. Anche le canzoni delle commedie si sentono ancora oggi cantare per strada.

 

E tu sei mai stato al Teatro Sistina? Che ne pensi? Se hai trovato l’articolo interessate condividilo!

Articolo di Marica Sabbatini

Iscriviti per ricevere news su Roma

Scopri gli eventi su Roma

Entra nella nostra chat telegram

Contattaci per assistenza