San Vito di Cadore: perchè è una meta strategica - Oj Eventi

San Vito di Cadore: perchè è una meta strategica

san vito di cadore

Situato nella provincia di Belluno, San Vito di Cadore è decisamente una località da non perdere. Un vero e proprio gioiello incastonato nel bellissimo paesaggio delle Dolomiti. Viene spesso pensata come alternativa alla più famosa e sicuramente più movimentata Cortina d’Ampezzo, che dista solo 12 km. È di fatto un comune immerso nei boschi, circondato dai monti e affiancato dal corso di un fiume. Non si può quindi dire che la natura scarseggi in questa città, ma vi stupirete nello scoprire che non è solo questo a renderla così speciale.

Paesaggi magici

Auronzo di Cadore

Come appena anticipato, San Vito di Cadore è letteralmente immersa nella natura. La città si trova in una conca circondata da imponenti montagne, che creano un vero e proprio paesaggio magico. Basti pensare che le Dolomiti sono riconosciute Patrimonio UNESCO insieme ai parchi naturali limitrofi, tra i quali troviamo “Fanes-Senes-Braies”, “Puez-Odle”e il più vicino “Tre Cime”. Quest’ultimo si trova a solo un’oretta di distanza ed è molto noto per il lago Misurina, vera e propria perla delle Dolomiti situato nella frazione di Auronzo di Cadore. Auronzo, così come tante altre città della provincia di Belluno è una meta da considerare se si soggiorna nelle vicinanze. San Vito di Cadore, infatti, funge spesso da base per poter raggiungere i bellissimi paesaggi e monumenti nei dintorni, spendendo meno rispetto a località limitrofe decisamente più care. È inoltre una destinazione fortemente consigliata per chiunque ami lo sport all’aria aperta.

Gli sport invernali

Gli sport invernali in particolare sono imperdibili se si vuole sciare immersi nel meraviglioso paesaggio delle Dolomiti. San Vito di Cadore offre una ski area facente parte del comprensorio Dolomiti Superski, è infatti molto semplice raggiungere le piste di Cortina, Misurina e Auronzo. Tra le varie ski area, è quella più adatta alle famiglie in quanto si presenta più contenuta, più economica delle altre, ma allo stesso tempo altrettanto divertente. Se ami la neve ma cerchi delle alternative allo sci, a San Vito potrai trovare anche diversi itinerari sciaplinistici e anche la possibilità di fare escursioni con le “ciaspe” ovvero le racchette da neve.

Le passeggiate in bici

Per San Vito di Cadore passa anche la Lunga Via delle Dolomiti, una delle passeggiate con bici più stupefacenti e appaganti. Se la si percorre si ha la possibilità di passare tra paesi, boschi e parchi naturali. Il percorso segue quasi esclusivamente quello dell’ex ferrovia offrendo una pendenza costante e l’assenza di veicoli motorizzati. L’unica eccezione la si trova proprio nel tratto che unisce San Vito di Cadore e Cortina d’Ampezzo dove il tragitto si presenta decisamente più dinamico per la presenza di tratti più ripidi e zig-zag imprevisti che arrivano fino al fondo del fiume Boite.

Escursionismo

La zona montuosa del Cadore si presta molto all’attività dell’escursionismo. Un’escursione molto conosciuta è quella che porta al Rifugio Alpino San Marco, situato a quota sul Col de chi da Os, circondato dalle famosissime vette dell’Antelao, delle Marmarole e del Sorapiss. Il rifugio si raggiunge a piedi in circa due ore percorrendo una strada asfaltata, altrimenti si può accorciarne la durata prendendo la seggiovia. Altre due escursioni di livello facile sono il giro del Col della Pausa e la camminata che dal centro di San Vito porta alla Cascata di Ru de Assola.

Le Dolomiti in estate

dolomiti _ patrimonio unesco

Dolomiti, Patrimonio Unesco

Le Dolomiti attraggono turisti tutto l’anno, questo perché è una montagna che offre mille possibilità in ogni stagione. Chi associa la montagna al bere cioccolata in uno chalet mentre fuori nevica, non è mai stato sulle Dolomiti d’estate. In realtà nei mesi estivi il paesaggio diventa ancora più magico grazie allo spettacolare fenomeno dell’enrosadira per cui le montagne si tingono di rosa al tramonto. D’estate, grazie al clima favorevole, è anche più facile godere della vista dei paesaggi che si tingono di verde e fioriscono in tutto il loro splendore. Chiunque preferisca il mare durante le vacanze estive, si ricrederà dopo aver visitato San Vito di Cadore e i paesi limitrofi.

Tradizioni culinarie

casoncelli alle rape rosse

casoncelli alle rape rosse

Sicuramente a San Vito avrete la possibilità di mangiare benissimo sperimentando anche cibi che in altre zone d’Italia sono decisamente poco comuni. Nello specifico troverete una cultura culinaria figlia dell’incontro tra cucina montana e cucina tipica bellunese. Tra i piatti più tipici da non perdere ci sono: lo schiz, i canederli, lo spatzle, la polenta, lo strudel e i casunziei ai rae ros (casoncelli alle rape rosse). Ci sono numerosi ristoranti accessibili in pochi passi, nei quali potrete accomodarvi dopo una giornata faticosa e mangiare bene spendendo poco.

Le due chiese

Nonostante le incantevoli bellezze paesaggistiche, San Vito di Cadore è ricca di altrettanti monumenti incantevoli. Nel centro città, che si trova lungo la strada statale, sono presenti due chiese stranamente adiacenti l’una all’altra. La pievanale risale al 1200, ma l’attuale edificio è del 1760. Della chiesa antica resta solo un affresco di San Cristoforo. All’interno vi è la pala d’altare opera culmine di Francesco Vecellio, fratello del più noto Tiziano. La chiesa è consacrata ai Santi Vito, Modesto e Crescenzia.

La chiesetta della Difesa che iniziarono a costruire nel 1490, racchiude un’abside tardo-gotica con un affresco che raffigura uno scontro. Lo scontro in questione avvenne fra le truppe patriarchine e le truppe di Sigismondo di Lussemburgo e si dice che l’invasione fu sventata per intercessione della Madonna della Difesa.

Le olimpiadi

In vista delle Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali Milano-Cortina 2026, San Vito di Cadore insieme ad altre città, si stanno preparando anche attraverso dei lavori stradali importanti che permetteranno una maggiore viabilità. Potrebbe essere la scusa giusta per visitare questa bellissima città e trovarsi a due passi dai giochi olimpici, sempre che riusciate a resistere tre anni prima di visitarla.

Una città dalle mille occasioni

Come visto ampiamente nell’articolo, in questa città è possibile svolgere attività completamente diverse l’una dall’altra, in qualsiasi stagione dell’anno e qualsiasi siano le tue passioni. È una città che puoi adattare alle tue esigenze come meglio preferisci, che puoi sfruttare dal punto di vista sportivo, turistico o naturale. Avrai modo di sperimentare anche dal punto di vista culinario non facendoti mancare nulla. E tu l’hai già visitata? Ti piacerebbe andarci e scoprire le sue meraviglie? Facci sapere se questa meta incuriosisce anche te.

E tu hai mai visitato San Vito di Cadore? Facci sapere se ti è piaciuto con un commento!

Articolo di Sonia Di Terlizzi

Iscriviti per ricevere news su Belluno

Scopri gli eventi su Belluno

Entra nella nostra chat telegram

Contattaci per assistenza