Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

PR: Come gestire le pubbliche relazioni della tua azienda

 

pr

Uno degli aspetti fondamentali da curare nella comunicazione aziendale sono le pubbliche relazioni, public relations in inglese, abbreviate in PR. Infatti nell’era di internet è sempre più essenziale gestire al meglio i rapporti con l’esterno dell’azienda. Clienti e stakeholders basano le loro scelte sull’idea che la tua impresa fornisce di sè. 

La gestione delle PR costituisce un’ottima soluzione per creare valore aggiunto. Più il proprio marchio è conosciuto e rispettato, più si avrà possibilità di espandere la propria attività. Le pubbliche relazioni comprendono molti destinatari: si può comunicare con altre aziende, con istituzioni o con gli utenti finali che acquistano i nostri prodotti.

I tuo scopi da raggiungere tramite le PR

La prima domanda che devi porti è quali obbiettivi vuoi raggiungere curando le PR? Come ti accennavo le public relations posso servire a differenti scopi. Se ad esempio vuoi comunicare con altre aziende per creare un network professionale userai certi strumenti e certe strategie. Se invece vuoi comunicare con i clienti finali per aumentare il volume delle vendite utilizzerai tecniche diverse.

Un’altra possibilità è quella di voler comunicare con istituzioni. In questi casi la strategia cambia ancora in base ai tuoi obbiettivi. Se vuoi rendere il tuo brand un’eccellenza per il territorio ad esempio, i canali istituzionali sono perfetti. Oppure potresti essere interessato a rapportarti con i media per ragioni che variano dalla notorietà del brand alla creazione di pubblico interessato ai tuoi prodotti.

Insomma come avrai capito le PR rappresentano un mondo molto vasto in cui possono confluire interessi molto differenti tra loro. Proviamo ad analizzare al cune situazioni e a fornire le prime indicazioni basilari. Sceglieremo come campo d’analisi il settore turistico.

Le relazioni pubbliche con altre aziende

Nel campo delle public relations un posto importante è occupato dalla comunicazione con altre aziende. Può essere il caso di chi ha esigenza di creare una rete professionale per i propri prodotti: collaborare tra fornitori, produttori e distributori è fondamentale. Proviamo ad immaginare il lavoro dietro all’organizzazione di un evento. In base alla tipologia di quest’ultimo sarà necessario contattare diversi attori aziendali. Innanzitutto serve una location che ospiterà l’evento, poi bisogna pensare agli arredi sia che si tratti di una conferenza sia che si tratti di una fiera. Bisogna preoccuparsi dell’intrattenimento, magari dei relatori o magari dei musicisti. Quindi serve un impianto audio con dei tecnici e del personale di sala per gestire gli ospiti. Se è previsto un rinfresco servirà anche un servizio catering e uno di pulizie per sistemare tutto a fine evento.

Come vedi è un lavoro enorme che coinvolge imprese differenti. Ecco perché è importante tessere un buon network tra aziende. Tra gli strumenti più utilizzati c’è sicuramente LinkedIn, un social network che unisce aziende e professionisti. Anche comunicati stampa e newsletter sono essenziali.

Public relations per aumentare la clientela

Uno degli scopi principali delle PR è quello di raggiungere e persuadere un’audience di potenziali clienti, o prospect. In questo caso possiamo immaginare un ristorante che voglia farsi conoscere. Specialmente in zone turistiche molto gettonate non è facile. Se l’attività è avviata da poco, la concorrenza può essere fatale. Infatti esistono talmente tanti locali affermati che emergere è un’impresa ardua. Bisogna innanzitutto pubblicizzare e promuovere il locale. Sia sul territorio che su internet per i turisti. È chiaro che potrebbe essere necessario un aiuto da un’agenzia di marketing. Poi è necessario curare anche il rapporto con i clienti: sia per spingerli a tornare sia perché parlino bene di voi ai loro conoscenti.

Come vedi il passaparola è ancora molto utile ma la differenza la fa internet. Si possono utilizzare i social network per farsi conoscere, Facebook e Instagram sono molto utili. Ma bisogna anche curare la propria reputazione online su piattaforme come TripAdvisor e Google stessa. Per quest’ultimo punto potrebbe essere utile una consulenza Seo.

Rapporti con i media e digital PR

Come avrai notato ti ho consigliato solo strategie semplici e piattaforme gratuite, sempre digitali. Infatti ormai è imprescindibile avere una presenza online ben curata. Ed è proprio quello che deve assicurarsi che si occupa di digital PR. Quando si ha a che fare con i media è importante trasmettere un’idea ben precisa del proprio marchio. Bisogna diventare un riferimento per tutto il settore, nel caso di grandi aziende, o di una nicchia specifica nel caso di piccole e medie imprese.

Ad esempio una catena di hotel sparsa in tutto il mondo potrà facilmente permettersi spot pubblicitari costosi e far crescere la notorietà del brand. Mentre nel caso di un ostello o un piccolo bed and breakfast le cose sono più complicate. Bisogna sfruttare le proprie peculiarità. Per esempio esistono strutture che sottolineano la loro propensione al bio e al naturale. In questo caso si avrà come target una ben precisa (e ben più piccola) nicchia di clienti.

La strategia migliore in questi casi è fare content marketing: produrre contenuti specifici che rimandano al campo della vostra attività. Si possono utilizzare le piattaforme sopracitate per spiegare al proprio pubblico gli aspetti positivi della filosofia aziendale (bio, vita sana, ecc). Oppure si può ricorrere a strategie di PR più dirette promuovendo il proprio territorio.

La tua impresa che strumenti utilizza? La gestione delle PR è affidata a una figura specifica? Secondo te quale strategia funziona meglio? Discutiamone nei commenti!

Articolo di Amos Granata

Iscriviti gratis per ricevere news

Contattaci per assistenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *