Passo dello Stelvio, dove si scia anche in estate - Oj Eventi

Passo dello Stelvio, dove si scia anche in estate

Passo dello Stelvio

Passo dello Stelvio, dove si scia anche in estate

Il Passo dello Stelvio, Stilfser Joch per chi mastica il tedesco, è il valico automobilistico più alto d’Italia. I suoi famosissimi 48 tornanti sono stati teatro di numerose pubblicità di autovetture, non ultima quella dell’omonimo Suv Alfa Romeo Stelvio.

Il suo percorso tortuoso, che mette in comunicazione Lombardia, Svizzera e Trentino Alto Adige, non deve però la sua notorietà solo a questo. È conosciuto infatti anche come una delle salite più ardue del giro d’Italia e attira ogni anno numerosi appassionati di ciclismo che vogliono cimentarsi nell’impresa.

Una lingua d’asfalto panoramica che si arrampica sulle vallate vertiginose delle Alpi retiche, passando attraverso imponenti cime dolomitiche, come il Re Ortles (3.905 m). È incastonata nel Parco Nazionale dello Stelvio e nei pressi di un ghiacciaio molto noto per gli sciatori, sul quale si può sciare anche d’estate.

Insomma, i motivi per scoprire questo prezioso angolo di mondo, che abbiamo la fortuna di ospitare nel nostro Paese, sono davvero tanti. Inoltre la sua importanza è ben spiegata anche dalla sua storia.

In questo viaggio di parole proveremo a spiegare tutto ciò che rende unico il Passo dello Stelvio, sperando di rendergli la giustizia che merita.

Il passo dello Stelvio è il più alto d’Italia

Conosciuto anche come il valico automobilistico più alto d’Italia, il Passo dello Stelvio è anche il secondo più alto d’Europa, dopo il francese colle dell’Iseran.

Si trova a un’altezza di ben 2758 metri sul livello del mare e sfiora importanti massicci retici delle Dolomiti, come:

  • Ortles

  • Umbrail

  • monte Livrio

  • monte Scorluzzo

Il panorama che ne deriva dà una sensazione di imponente immensità, che si amplifica man mano che si sale lungo i 48 tornanti che disegnano il versante. Una volta raggiunta la cima si capisce perché sia una meta così ambita non solo dagli automobilisti, ma anche da motociclisti, ciclisti, sciatori ed escursionisti.

Dalla sommità infatti partono diversi percorsi di trekking, come il sentiero per la Cima Garibaldi e la strada sterrata verso il Rifugio Pirovano.

Uno spettacolo che leva il fiato in ogni stagione, sia con i versanti in fiore o coperti dal manto erboso, ma soprattutto con la neve. Inoltre non è solo la sua bellezza a rendere il Passo dello Stelvio così importante, è infatti un collegamento essenziale tra Valtellina e Val Venosta.

Parco nazionale dello Stelvio

Non si può parlare del Passo dello Stelvio senza citare il Parco nazionale che lo circonda, una delle più grandi riserve naturali d’Europa.

Il Parco Nazionale dello Stelvio si estende per ben 130.800 ettari, coprendo Alto Adige, Trentino e Lombardia. Detto in numeri può non rendere al meglio quanto sia esteso, ma basti sapere che al suo interno sono comprese tutte le zone climatiche alpine.

Partendo da un’altitudine di 700 metri, arriva fino a quasi 4000 metri, dando rifugio a tutte le specie che popolano queste zone. Si trovano infatti cervi, caprioli, stambecchi, camosci, ma anche lupi, orsi, aquile e avvoltoi, motivo per cui fu dichiarato parco nazionale nel lontano 1935.

Per gli amanti della natura è inoltre possibile avere maggiori informazioni a riguardo presso i 5 centri visitatori della regione:

  1. Acquaprad a Prato allo Stelvio: L’elemento “acqua” con la mostra permanente “Sotto i pesci – un viaggio nei mondi stranieri”.

  2. Avimundus a Silandro: Il mondo degli uccelli.

  3. Culturamartell a Val Martello: Il mondo dei contadini di montagna nel Parco Nazionale di allora e di oggi.

  4. Lahnersäge a Santa Gertrude: La foresta come risorsa insostituibile della natura e la mostra speciale “Cuccioli-Born to be wild”.

  5. Naturatrafoi a Trafoi: La vita in alta montagna.

Sci estivo sullo Stelvio

In pochi sanno che a pochi passi dal Passo dello Stelvio si trova il ghiacciaio che offre la più estesa area sciistica estiva delle Alpi.

Il ghiacciaio dello Stelvio è meta per questo dei più grandi campioni dello sci italiano e straniero, che qui possono allenarsi per preparare la stagione agonistica.

Immerso tra le cime dell’Ortles Cavedale si potrà usufruire di oltre 20 km di piste, circondati da un maestoso e unico scenario naturale d’alta quota. Da maggio a novembre si possono praticare lo sci alpino e lo snowboard, mentre da fine giugno a fine novembre lo sci di fondo.

Per gli amanti degli sport invernali è un posto unico, dove anche fuori stagione possono godersi una discesa anche a ferragosto.

Per quanto riguarda la stagione invernale invece, beh… in Trentino c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Il giro d’Italia passa da qui

Ciclisti di tutta Italia accorrete, il Passo dello Stelvio vi aspetta per sfidare la vostra resistenza.

Su entrambi i suoi pendii si può trovare una salita impegnativa e affascinante per tutti gli atleti delle due ruote.

Questo valico, spesso tappa del Giro d’Italia, si è guadagnato il nome di Cima Coppi dal 1956, in onore dello storico ciclista. Ovvero solo 3 anni dopo il suo inserimento del Passo dello Stelvio nel mondo del ciclismo nel 1953.

Qui infatti il campione ha registrato una delle più importanti vittorie della sua carriera, che gli anno permesso di scolpire il suo nome negli annali del ciclismo.

La Cima Coppi è il punto più alto toccato dalla corsa, ma il suo inserimento nel percorso è un rischio dal punto di vista logistico.

Questo perché nel periodo di fine maggio e inizio giugno, quando c’è il Giro le condizioni meteorologiche sulle Alpi non sono ancora pienamente stabilizzate.

Il che comporta la possibilità di nevicate, le ultime della stagione, con conseguente rischio di deviazione o annullamento della tappa.

Per chi vuole inseguire il mito in volata ogni anno vengono organizzate due gare ciclistiche per amatori:

  • A inizio luglio sul versante valtellinese con partenza a Bormio

  • A metà luglio sul versante altoatesino con partenza a Prato dello Stelvio

Per chi invece preferisce farsi una bella corsetta dal 2017 il Passo dello Stelvio è punto di arrivo della Stelvio Marathon, organizzata in Val Rendena.

Il Passo dello Stelvio è un luogo unico, incredibile, meta preferita di ciclisti, amanti dei motori, della natura e degli sciatori di ogni stagione. L’hai mai visitato o lo includerai nella tua prossima visita in Trentino? Faccelo sapere nei commenti!

Articolo di Renato Sarlo

Iscriviti per ricevere news su Bolzano

Scopri gli eventi su Bolzano

Entra nella nostra chat telegram

Contattaci per assistenza