Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Parco Sempione: l’oasi del benessere in città

 

 

Parco Sempione – In una città frenetica come Milano, trovare un posto adatto per rilassarti può rivelarsi una vera e propria impresa. Dove andare dunque per staccare un po’ la spina? Ma forse conosco il posto ideale per concedere un po’ di svago e sano relax alla tua mente. Quale? Il Parco Sempione ovviamente! Scopriamolo meglio insieme.

Le origini del Parco Sempione

Considerato il polmone verde della città meneghina, ancora oggi il Parco Sempione è tra i luoghi più frequentati dai milanesi e dai turisti di tutto il mondo. Ma come nasce?

Caduto il dominio degli Sforza, il Parco Sempione venne inizialmente utilizzato come piazza d’armi per le esercitazioni dei militari operanti vicino al Castello Sforzesco. Con il raggiungimento dell’Unità d’Italia, l’uso militare del parco fu sospeso e contemporaneamente Milano registrò una considerevole crescita demografica. A questo punto l’Ingegner Beruto suggerì un piano regolatore cittadino. Ma il forte malcontento popolare modificò il programma iniziale, destinando l’intera piazza d’armi all’attuale Parco Sempione. Sai perché si chiama così? Il nome deriva dal grande asse stradale compreso tra il Duomo e Passo del Sempione, passando attraverso l’Arco della Pace.

Definito nella sua forma attuale tra il 1890 e il 1894 dall’architetto Emilio Alemagna, il Parco si estende per ben 47 ettari conservando lo stile tipico dei giardini all’inglese. Caratterizzato da un’armonica combinazione di ampi viali alberati, piazzole e laghetti artificiali. Il risultato complessivo è un validissimo connubbio tra natura e funzionalità. Il luogo ideale per praticare sport, leggere un libro, godersi un momento di relax o stare in compagnia. Ma Parco Sempione riserva ancora altre bellezze, scopriamole insieme!

Tra natura e arte

Parco Sempione non è solo natura. Tra un viale e l’altro, tra un’aiuola ed un gruppo di cespugli, si nascondono meravigliosi colori inaspettati, edifici, e monumenti. E da dove partire se non da uno dei simboli per eccellenza della città di Milano? Ovviamente mi riferisco all’Arco della Pace che, prima di giungere alla forma attuale, ha subito diversi rimaneggiamenti. Pensa che il primo Arco fu costruito nel 1806 per accogliere all’interno della città il figlio adottivo di Napoleone con la novella sposa. L’arco era in tela, gesso e legname, ed ebbe tanto successo che si pensò di costruirne uno in marmo. Nel 1807 iniziarono i lavori per realizzarlo ma la caduta del Regno Italico fece arenare il progetto. Curioso, vero? Nel 1826 Fernando I D’Austria riprese i lavori con l’obbiettivo di rendere l’arco un omaggio alla pace raggiunta tra le Nazioni Europee a seguito del Congresso di Vienna.

Poco distante dall’Arco c’è l’Arena Civica, che ti consiglio di visitare. Si tratta di un enorme anfiteatro costruito nel 1806 e capace di ospitare fino a 30.000 persone! L’Arena è stata sede di numerosi spettacoli teatrali all’aperto, oggi è sfruttata soprattutto per concerti e gare di atletica.

Altro gioiello celato all’interno di Parco Sempione è ‘La fontana dei bagni misteriosidi Giorgio De Chirico. Opera realizzata interamente in pietra di Vicenza, la struttura è composta da otto elementi allestiti in un’enorme vasca dalla forma sinuosa e di color giallo ocra. Gli elementi sono stati inseriti perchè simulassero il fluire delle onde nella corrente. Ultimata nel 1973 per la XV Triennale di Milano è stata poi restaurata in occasione di Expo 2015.

Se sei un tipo romantico apprezzerai senz’altro il Ponte delle Sirenette. Progettato inizialmente come passerella pedonale sul Naviglio di San Damiano, è stato il primo ponte metallico costruito in Italia. La bella struttura, ingentilita dalle quattro sirene che ne decorano i pilastri, ne fanno un luogo magico e suggestivo da vivere con la propria dolce metà!

Il romanticisno non fa per te e preferisci piuttosto un’esperienza elettrizzante? Allora sali sulla Torre Branca e goditi il panorama dell’intera città a 108 metri di altezza da terra! Costruita nel 1933 con soli tubi di acciaio Dalmine, la Torre deve il suo nome ai fratelli Branca che la restaurarono nel 1972.

Dopo aver toccato il cielo di Milano, potrebbe esserti venuta voglia di esplorare da vicino quello che sei riuscito a scorgere dall’alto. Cosa aspetti? Corri a vistare il Palazzo dell’Arte della Triennale. Questa importante istituzione culturale ospitò le Esposizioni Internazionali delle Arti Decorative del 1923. Al suo interno ti aspettano tantissime mostre e iniziative culturali di grande rilievo internazionale.

E per concludere al meglio la tua giornata, lasciati stupire dalle 100 diverse specie di pesci e anfibi presenti nell’Acquario Civico. Costruito in stile liberty, è oggi l’unico edificio rimasto tra quelli realizzati a Milano in occasione dell’Esposizione Internazionale del 1906.

E per i bambini? La struttura organizza tantissimi laboratori creativi per diventare piccoli esperti del mondo marino.

Come Arrivare

Il Parco Sempione si trova a Milano in Piazza Sempione ed é facilmente raggiungibile con i seguenti mezzi pubblici:

  • In Metropolitana: prendendo la M1 (Linea Rossa) potrai scendere alle Fermate Cadorna F.N. e Cairoli Castello. In alternativa potrai prendere la M2 (Linea Verde) e scendere alla Fermata Lanza.
  • In Tram: prendendo la Linea 1 e scendendo alla Fermata Cadorna F.N. oppure prendendo la Linea 14 e scendendo in Duomo.

Cosa aspetti? C’é un’oasi di benessere pronta ad accoglierti in centro città!

Scrivici qui sotto cosa ne pensi e se ti piace l’articolo Condividilo!

Articolo di Ilaria Cantarini

Iscriviti gratis per ricevere news su Milano

Prenota un Hotel

Contattaci per assistenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *