Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Palazzo Bianco Genova: la storia, la galleria e le opere

 

Palazzo Bianco Genova

Palazzo Bianco a Genova è una delle mete che non puoi perderti. Fa parte del circuito patrimonio dell’Unesco dei palazzi genovesi denominati “Rolli” e ospita una delle più significative gallerie d’arte delle Liguria. Si trova in pieno centro storico vicino a Porto Antico e attira ogni anno turisti da tutto il mondo! Merita una visita insieme al suo dirimpettaio Palazzo Rosso, altrettanto imperdibile. Ma procediamo con ordine..

La storia di Palazzo Bianco di Genova

Inizialmente era la dimora di Luca Grimaldi, importante esponente di una famiglia dell’aristocrazia genovese. Tant’è vero che viene ancora oggi chiamato Palazzo Luca Grimaldi da alcuni documenti ufficiali. La costruzione di Palazzo Bianco risale al ‘500. L’edificio passò nelle mani di altre importanti famiglie, in particolare nel 1711 Maria Durazzo Brignole-Sale ne divenne proprietaria. La dame ordinò un’importante ristrutturazione per poi donare il palazzo ai nipoti. Proprio a questi restauri dobbiamo l’imponente facciata settecentesca di colore bianco, da cui il nome. La nuova entrata ora affacciava su Strada Nuova e si contrapponeva all’edificio di fronte: Palazzo Rosso. Nel 1889 morì l’ultima discendente della famiglia e il complesso passò alla proprietà del Municipio. In occasione del quattrocentenario della scoperta dell’America, Palazzo Bianco divenne una galleria d’arte. Dopo i bombardamenti subiti nel 1942 un’importante opera di restauro ne permise la riapertura al pubblico nel 1950.

La Galleria di Palazzo Bianco

Come già detto, dopo morte dell’ultima ereditiera l’edificio è destinato alla funzione di Galleria d’arte. Il Municipio s’impegnò nell’acquisto di diverse opere per incrementare la già ampia collezione presente a palazzo. Oggi fa parte del circuito Musei di Strada Nuova e ospita un’incredibile selezione di opere pittoriche dal cinquecento al settecento provenienti da tutta Europa. Prevalentemente sono esposte opere appartenenti alla tradizione ligure di autori come il Veronese, Vasari e Cambiaso. Ma non mancano autori fiamminghi del calibro di Rubens e Van Dyck. Particolare spazio è dedicato anche al Barocco Genovese del sei-settecento. Oltre agli immancabili Grechetto, Strozzi e De Ferrari, dal 2009 anche l’importante Maddalena Penitente di Antonio Canova è arrivata a far parte della Galleria. Come vedi il valore artistico non manca affatto, troverai sicuramente un’opera incredibile!

Mostre e eventi significativi

Il calendario mostre di Palazzo Bianco Genova è molto fitto. In ogni stagione dell’anno troverai esposizioni d’interesse indiscutibile. Inoltre con un po’ di fortuna potrai beneficiare dei vantaggio dei Rolli Days: giornate in cui il circuito dei Palazzi dei Rolli è aperto al pubblico gratuitamente o con forti sconti. Non ti scordare che sia il Comune che la Fondazione mettono a disposizione applicazioni smartphone per ottenere un’infarinatura degli eventi. Gli orari di Palazzo Bianco sono variegati e permetto l’ingresso in qualsiasi ora del giorno. Inoltre accade spesso di trovare opere in prestito da altri musei e mostre tematiche esterne ai musei genovesi, di cui Palazzo Bianco è il fulcro!

In una tua visita di Genova non puoi perderti questa struttura importantissima, non solo per la Galleria e per l’architettura. Infatti anche la bellezza dell’edificio non è da sottovalutare: potrai godere della pace offerta dal magnifico giardino di Palazzo Bianco. Non ti resta che organizzarti e visitarlo.

Allora cosa ne dici? Ci sei già stato o intendi andarci? Come ti è sembrato? Faccelo sapere nei commenti!

Articolo di Amos Granata

Iscriviti gratis per ricevere news su Genova

Prenota un Hotel

Contattaci per assistenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *