Orto botanico di Brera: l’oasi cittadina che non ti aspetti - Oj Eventi

Orto botanico di Brera: l’oasi cittadina che non ti aspetti

Orto botanico di Brera

Orto botanico di Brera: l’oasi cittadina che non ti aspetti

 

Orto botanico di Brera

Orto botanico di Brera – Situato presso lo storico Palazzo Brera, l’Orto Botanico di Brera é un’imperdibile e romantica oasi verde del centro di Milano.

Scopriamolo meglio insieme!

 

Un gioiello ‘green’ conservato nel tempo

Utilizzato tra il XIV e il XVI secolo come luogo di meditazione per i padri Umiliati e Gesuiti, il tesoro naturale deve il suo nome a Maria Teresa D’Austria.  La stessa imperatrice, infatti, tra il 1774 e il 1775 volle fortemente fare dell’Orto Botanico un vero e proprio polo culturale, letterario e scientifico.

Ma come fu possibile tutto questo? 

La sua vasta estensione di ben 500 metri quadrati ha da sempre permesso l’inclusione al suo interno di tantissime varietà di piante. Prima fra tutte quelle medicinali utilizzate e coltivate direttamente dagli studenti di medicina e farmacia.

Solo più avanti, con l’avvento dei francesi si cercò di trasformare l’Orto in un luogo di ritrovo per l’intera cittadinanza, introducendovi delle splendide piante esotiche ornamentali visibili ancora oggi.

Con la caduta di Napoleone e il raggiungimento dell’Unità d’Italia, l’Orto venne affidato a diverse istituzioni, passando poi definitivamente sotto la gestione dell’Istituto Superiore di Agricoltura, nonché allora Facoltà Universitaria. 

Dal 2005 la Regione Lombardia l’ha riconosciuto come polo museale.

 

L’Orto Botanico di Brera oggi

Nel 2001 il giardino riaprì ufficialmente al pubblico a seguito di alcune operazioni di restauro. Le modifiche apportate puntarono principalmente sul riassetto del disegno originale dell’Orto, caratterizzato da due suggestive vasche ellittiche, delle fitte aiuole e dall’arboreto. 

Ancora oggi,  passeggiando al suo interno si possono ammirare innumerevoli piante: alcune legate ad ambienti particolari (mediterraneo, arido o umido) mentre altre dedicate a tematiche di uso preminente (piante alimentari, tessili e da carta, tintorie).

Tra le grandi alberature, invece, spiccano nello storico arboreto i patriarchi dell’Orto. Si tratta di due sorprendenti Ginkgo biloba di 2 secoli e mezzo di vita, nonché simbolo del giardino.

Ma non é tutto, perché all’Orto Botanico di Brera l’arte e la natura vanno di pari passo.

Continua a leggere per scoprirne di più!

 

L’arte sposa la natura 

L’ Università degli Studi di Milano ha da sempre avuto l’obiettivo di salvaguardare il patrimonio storico-scientifico e storico-naturalistico di Palazzo Brera. Insomma, non solo la conservazione del bene storico ma anche la diffusione della cultura scientifica.  

É per questo motivo che l’Orto Botanico di Brera accoglie quotidianamente in visita scolaresche e gruppi di adulti proponendo loro diversi interessanti percorsi artistici e non solo. 

Uno tra tutti é l’Arte Orto, nonché un affascinante viaggio alla scoperta delle piante reali e di quelle utilizzate dai grandi artisti nei loro dipinti

Qualche nome? L’oleandro ritratto da Raffaello ne ‘Lo sposalizio della Vergine’, la marruca rappresentata dal Bellini ne ‘La Pietà’ o ancora, la rosa dipinta da Bernardino Luini ne ‘La Madonna col Bambino’.

Insomma, qui all’Orto Botanico oltre alla bellezza, regna anche tanta qualità!

 

Come arrivare all’Orto Botanico di Brera

L’ Orto Botanico di Brera é situato nel centro di Milano in Via Privata Fratelli Gabba 10 ed é facilmente raggiungibile coi seguenti mezzi:

  • In Metropolitana: utilizzando la M1 scendendo a Cairoli, o con la M3 scendendo a Montenapoleone.
  • In Tram: scendendo alla fermata Montenapoleone.

 

Cosa aspetti?  Vieni anche tu a scoprire questo incantevole paradiso cittadino! Scrivici qui sotto cosa ne pensi e se ti piace l’articolo Condividilo!

Articolo di Ilaria Cantarini

Iscriviti per ricevere news su Milano

Entra nella nostra chat telegram

Scopri gli eventi su Milano

Contattaci per assistenza