Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mistero e arte alla “Tomba del cane”

 

Tomba del cane

Poco distante da Brescia centro, immerso nel verde, spunta davanti agli occhi l’affascinante monumento noto col nome di ‘Tomba del cane’. Posta dopo il primo tornante del Ronchi, colle legato al Monte Maddalena, la tomba è uno dei punti più affascinanti delle immediate vicinanze della città.

Le domande che ruotano attorno al mausoleo si sono moltiplicate negli anni, facendo crescere anche l’interesse verso il monumento stesso. Già la posizione in cui si trova è veramente suggestiva, dalla città si può infatti notare il bianco della tomba. Se a questo aggiungiamo l’alone di mistero che continua a vederla protagonista, potrai spiegarti molto facilmente perché resti un punto fondamentale per i cittadini. Anzi, gli abitanti stessi sono continuamente sedotti dal suo fascino! E questo perché nonostante ad oggi qualcosa si sappia, continua a non essere chiara una cosa riguardo alla Tomba del cane… ospita le spoglie di qualche fedele compagno oppure no? 

Da dove viene la Tomba del cane? 

Inizialmente conosciuta come Tomba Bonomini, la tomba del cane è un esempio bellissimo dell’arte di fine 1800. Fu costruita su commissione dallo stesso Angelo Bonomini da cui prese il vero nome. Si trattava di un grosso commerciante bresciano, amato e conosciuto dalla città. Alla sua morte volle questo mausoleo per il suo riposo eterno e probabilmente anche per quello di un amico. La sua richiesta venne accolta anche grazia al cospicuo lascito che donò agli Spedali Civili di Brescia di cui fu benefattore per molto tempo. 

Peccato però che nel tempo che ci volle per ultimare la tomba, il comune cambiò non poche leggi. Il permesso per lasciare il corpo dello sfortunato commerciante nella Tomba infatti non fu più valido in quanto fuori dal vero e proprio cimitero. 

E qua finiscono le certezze relative alla Tomba del cane. Infatti per quanto si sia sicuri che non è Bonomini ad essere sepolto lì, non si sa ancora che cosa contenga veramente il sarcofago. Sarà veramente il cane di un importante imprenditore che si è meritato un riconoscimento eterno? O un semplice animale finito lì per non lasciare spoglio il monumento? 

Che la risposta sia fra queste, o che la tomba effettivamente ‘non contenga un cane’ non è dato saperlo. Fatto sta che se dopo quasi due secoli le leggende continuano ad essere alimentate, significa che il fascino di questo posto è rimasto immutato. Sarà la bellezza luminosa dell’architettura neogotica verso cui andò l’architetto Vantini. Oppure le rappresentazioni statuarie di Commercio, Agricoltura, Belle Arti e Arti Industriali che troviamo ai quattro angoli del baldacchino. O semplicemente il ruolo paesaggistico che continua a ricoprire con il suo bianco che spicca subito tra il verde della natura. Una cosa è certa, la Tomba del cane è tra i punti più affascinanti di Brescia e passare a vederla è un’esperienza davvero particolare. 

Tomba del cane e molto altro!

La Tomba del cane è un monumento posto lungo il passaggio per salire verso il Monte Maddalena. Ottima zona relax che offre sia la possibilità di una giornata tranquilla che quella di andare verso le avventure offerte dagli sport in natura. Ma se sei interessato alla visita della Tomba e ad altrettante esperienze artistiche e culturali più che sportive, puoi partire dalla città. Magari proprio da Piazzale Arnaldo, dove si trova un cannocchiale in grado di farti vedere proprio la tomba in questione da centro città. Dal piazzale infatti troverai semplicissimo muoverti per il centro storico cittadino. Da lì puoi andare alla scoperta dei musei e delle meravigliose costruzioni cinquecentesche che spuntano dagli scorci cittadini. Per non parlare delle mostre d’arte o di tutto quello che offre tutto l’anno il bellissimo Castello

Insomma la Tomba del cane non è che una delle tantissime attrattive che ti convinceranno a visitare Brescia. Ma nonostante ciò resta una di quelle più curiose e suggestive. L’abbiamo già detto della leggenda che vede riposare nella tomba il cane di una giovane ragazza straniera? No? 

Allora goditi la visita e scopri quante leggende ruotano attorno a questo monumento così particolare! Non dimenticarti di farci sapere cosa ne pensi!

Articolo di Lucia Ferrari

Iscriviti gratis per ricevere news su Brescia

Prenota un Hotel

Contattaci per assistenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *