I Mercati di Traiano, la vita quotidiana nella Roma imperiale - Oj Eventi

I Mercati di Traiano, la vita quotidiana nella Roma imperiale

mercati di traiano

I Mercati di Traiano, la vita quotidiana nella Roma imperiale

mercati di traiano

Il progetto dei Mercati di Traiano risale al II secolo d.C. insieme a quello dell’ultima parte dei Fori Imperiali, ossia il Foro di Traiano. 

Le fonti antiche non danno notizie certe circa la committenza dell’opera. Recenti studi archeologici, però, hanno evidenziato come, già durante il regno di Domiziano, furono intraprese delle opere propedeutiche alla realizzazione dell’imponente complesso. Inoltre, non esistono fonti certe per identificare con esattezza i Mercati di Traiano. Una spiegazione plausibile è che il complesso monumentale era considerato un tutt’uno con il vicino Foro di Traiano. 

 

Un centro cittadino polifunzionale

I Mercati di Traiano attribuiti all’architetto del Foro, Apollodoro da Damasco, sono il risultato tangibile di esperienza e progettualità dell’architettura antica. 

I Mercati sono stati pensati come un centro polifunzionale, dove svolgere qualunque tipo di attività pubblica, soprattutto amministrativa. È evidente la diversificazione funzionale dei vari edifici che compongono il complesso, distribuiti su diversi livelli sul pendio della collina e collegati tra loro. 

Nella parte inferiore si svolgevano attività direttamente in relazione al Foro Romano, dato che uffici e archivi erano vicini al complesso forense. Nella parte superiore, invece, si svolgevano attività amministrative e di gestione. All’ingresso dei Mercati di Traiano, inoltre, vi erano numerose tabernae per le attività commerciali.

Dal livello della moderna via IV Novembre, si entra nella Grande Aula, un ambiente ampio e dalla volta altissima, con due file di piccoli uffici ai lati. 

Scendendo di livello attraverso le antiche scalinate, si può uscire all’aperto su un’ampia terrazza panoramica e passeggiare nell’antica via Biberatica. Un tempo affollatissima, il suo nome deriva dal latino “biber”, ovvero bevanda. Questo ci indica la destinazione commerciale delle diverse botteghe presenti su questo livello. 

Scendendo ancora di livello, si raggiunge l’antico Foro di Traiano, dove si possono ammirare tanti piccoli ambienti che oggi ospitano le sculture provenienti dal Foro. 

 

I Mercati di Traiano come castello, convento e caserma

I Mercati hanno svolto a lungo un ruolo centrale all’interno della vita della società. Proprio per questo, il complesso presenta tracce di numerosi interventi di modifica e manutenzione. Dopo la fine dell’impero romano, le famiglie nobili della Capitale ne prendono possesso, dividendosi la proprietà e trasformando i Mercati di Traiano nel Castello delle Milizie

L’imperatore Arrigo VII stabilisce il proprio quartier generale nel 1312 proprio nei Mercati di Traiano. Arrigo VII modificò anche la Torre delle Milizie, foderandola con un muro in laterizio, che si è conservato fino ad oggi. 

Papa Pio V nel 1574 assegna l’area al convento di Santa Caterina da Siena. L’architetto Peruzzi modifica radicalmente gli edifici antichi, stravolgendo gli spazi e i collegamenti tra gli ambienti.

Infine, nel 1885, dopo che Roma è diventata capitale d’Italia, il convento viene allontanato per far posto alla caserma “Goffredo Mameli”.

 

Gli scavi archeologici e la rinascita

Agli inizi del Novecento si decise di avviare lo scavo dei Fori Imperiali per riportare alla luce i Mercati di Traiano originari. Tutte le modifiche effettuate nel corso del tempo vengono eliminate, al fine di recuperare la struttura romana originaria. Tutti gli interventi di restauro e recupero dell’area sono destinati alla nascita del Museo dei Fori Imperiali, dedicato all’architettura e alle sculture presenti nei Fori. 

I Mercati di Traiano sono oggi uno dei più imponenti esempi dell’abilità degli antichi romani in campo architettonico e scultoreo. Grazie alle opere di restauro oggi possiamo conoscere come si svolgeva la vita quotidiana ai tempi della Roma imperiale.

Inoltre, la stupenda terrazza panoramica, offre una vista mozzafiato sull’area archeologica centrale di Roma.

 

E tu, hai mai visitato i Mercati di Traiano? Raccontaci com’è andata!

Articolo di Renata Tanda

Iscriviti per ricevere news su Roma

Scopri gli eventi su Roma

Entra nella nostra chat telegram

Contattaci per assistenza