Lago di Misurina: storia e leggende e 4 escursioni da provare - Oj Eventi

Lago di Misurina: storia e leggende e 4 escursioni da provare

Lago di Misurina

Nel cuore delle Dolomiti troviamo il lago alpino più grande del Cadore, situato 1756 mt sopra il livello del mare, il Lago di Misurina situato nella omonima  frazione di Auronzo di Cadore. Il lago di Misurina è un caratteristico lago alpino dalle acque verde smeraldo posto tra le vette più importanti delle Dolomiti: le Tre Cime del Lavaredo, il Sorapis, i Cadini e il Monte Cristallo.

La perla del Cadore

Il lago di Misurina, è noto come la “perla del Cadore”, con la sua profondità di quasi 5 mt e l’estensione di 2,6 Km  come una perla, impreziosisce le già spettacolari Dolomiti Bellunesi.

La zona del lago e i luoghi circostanti, sono particolarmente noti per il suo clima salubre, adatto per la cura delle patologie respiratorie, ed è stato realizzato l’unico centro in Italia per il trattamento delle patologie riguardante l’asma infantile.

Storia e leggenda del lago di Misurina

Il nome di questo lago deriva dall’unione delle parole “Meso ai Rin”, cioè “in mezzo ai ruscelli”: nel XVI secolo si credeva che il Piave e l’Adige nascessero dal lago di Misurina.

La leggenda narra che Misurina, una bambina alquanto capricciosa, figlia del re Sorapis, il quale accontentava sua figlia in tutto in quanto orfana di madre.

Misurina un giorno venne a sapere dell’esistenza di uno specchio magico che rivelava i pensieri di tutti coloro che vi si specchiassero. Il padre per accontentarla, si recò sul Monte Cristallo, dove viveva la fata che custodiva questo oggetto magico.

La fata acconsentì ma ad una sola condizione, ovvero che lo stesso re si trasformasse in una montagna, per fare ombra al suo giardino. Misurina non rinunciò al suo desiderio e mentre si rimirava nel suo specchio magico suo padre re Sorapis si trasformò.

Tutta la natura crebbe intorno e Misurina si ritrovò in alto, ebbe le vertigini e precipitò nel vuoto.

ll re Sorapis ormai divenuto montagna vide la morte della figlia senza poter fare nulla.

Le lacrime del padre formarono un lago, che prese il nome dell’amata figlia.

Quando ghiaccia il lago di misurina?

Lago di Misurina in estate

Lago di Misurina in estate

Il Lago di Misurina è un posto adatto per le  escursioni in qualsiasi periodo dell’anno.

Per esempio in estate è possibile passeggiare lungo il sentiero che circonda il lago. Il percorso dura circa 45 minuti per 3 km fatto in tutta calma e cogliendo tutti gli scorci del paesaggio.

Il Lago è circondato da alcune spiaggette dove rilassarsi un po’ e prendere il sole in totale relax,

un altro punto a suo favore, visto che il lago non è particolarmente profondo potremmo fare un giro in pedalò o con una barchetta.

Invece nei mesi invernali, abbiano la fortuna che il Lago  di Misurina ghiaccia completamente e diventa una spettacolare pista di pattinaggio naturale dove i più appassionati potranno divertirsi a contatto con la natura.

In tutti gli altri periodi dell’anno, il Lago di Misurina potrebbe essere un buon punto di partenza per gli amanti del trekking ed intraprendere alcune delle escursioni più belle delle Dolomiti.

Lago di Misurina: fonte di ispirazione

Grazie ai suoi scorci, ai suoi paesaggi e al suo aspetto magico il Lago di Misurina potrebbe essere fonte di ispirazione, per cantautori, poeti, scrittori, fotografi e pittori.

Anche Claudio Baglioni ha scritto una bellissima canzone dal suo album sabato del 1975 intitolata proprio Misurina, omaggio alle origini della moglie.

Il lago di Misurina, assieme al vicino lago di Antorno e di Auronzo, le Dolomiti Venete e Cortina d’Ampezzo, sarà tra le nuove location della fiction “Un passo dal cielo”.

4 escursioni da provare

Nei pressi del Lago sono possibili svariati itinerari escursionistici per qualsiasi tipologia di preparazione fisica, dal livello facile al livello esperto.

1. Periplo del lago

Per i più tranquilli un sentiero per niente impegnativo di poco più di 2 chilometri e mezzo permette il giro completo .

2. Rifugio Col de Varda

Prendiamo la seggiovia biposto del Col de Varda raggiungiamo il rifugio a monte della seggiovia è un ottimo punto di partenza per sentieri più o meno impegnativi che collegano diversi rifugi e punti panoramici imperdibili verso il Rifugio Fonda Savio da un lato e il Rifugio Città di Carpi dall’altro.

3. Chiesetta della Madonna della Salute

Per un percorso poco impegnativo prendiamo la stradina bianca sterrata alla destra della seggiovia che porta alla Chiesetta della Madonna della Salute. La Chiesetta fu costruita nel 1899 fu consacrata nell’agosto del 1900 alla presenza della regina Margherita di Savoia dove ne trascorreva le vacanze a Misurina.

4. Tre Cime di Lavaredo

le tre cime di Lavaredo

le tre cime di Lavaredo

Le Tre Cime di Lavaredo assomigliano a tre dita che puntano verso l’alto sono composte dalla centrale e più alta Cima Grande, la Cima Piccola e la Cima Ovest .

Per vederle  da più vicino, da Misurina possiamo intraprendere la strada a pedaggio che in pochi chilometri vi porta al rifugio Auronzo punto di partenza per incredibili escursioni.

Nei  dintorni troviamo il Lago di Braies, il Lago di Carezza, il Lago di Sorapis, il Lago Limides, e il Lago di Dobbiaco.

Come arrivare al lago di misurina?

Con l’auto è facilmente  raggiungibile da qualsiasi provenienza.

Le alternative sono le seguenti:

Da Cortina dal centro seguire la SS 51 fino a Via Maion di Sopra, superate la Località Pierosà fino all’imbocco con la SR 48, da qui proseguite fino all’incrocio con la SP 49, che dovete prendere in direzione Misurina/Auronzo di Cadore.

Da Dobbiaco superato l’abitato di Dobbiaco, immettetevi a destra sulla SS 51 di Alemagna. Giunti in località Carbonin-Schluderbach (svincolo per Cortina d’Ampezzo), svoltare a sinistra in direzione Misurina, e da lì scendere verso Auronzo.

Per quanto riguarda il parcheggio, la zona del lago di Misurina ne è ben fornita,  Il parcheggio principale è quello che si trova accanto al Grand Hotel Misurina.

Con il pullman da Cortina d’Ampezzo dovrete invece affidarvi agli autobus. Invece da Dobbiaco potete servirvi del collegamento diretto via autobus che in poco più di 20 minuti giunge a Misurina, con un discreto numero di corse giornaliere.

Dobbiaco dispone di una stazione ferroviaria che ha ottimi collegamenti con le altre località dell’Alto Adige.

La natura  è un mezzo per ritrovare se stessi, questo è l’occasione adatta.

E tu, ci sei già stato al lago di Misurina? Che periodo dall’anno ci sei stato? Ti piacerebbe andarci? Faccelo sapere nei commenti!

Articolo di Giovambattista Rescigno

Iscriviti per ricevere news su Belluno

Scopri gli eventi su Belluno

Entra nella nostra chat telegram

Contattaci per assistenza