La Basilica di San Giovanni in Laterano: una preziosa chiesa papale - Oj Eventi

La Basilica di San Giovanni in Laterano: una preziosa chiesa papale

Basilica di San Giovanni in Laterano

La Basilica di San Giovanni in Laterano: una preziosa chiesa papale

Basilica di San Giovanni in Laterano

Basilica di San Giovanni in Laterano

 

La Basilica di San Giovanni in Laterano, conosciuta come la “madre di tutte le chiese”, è una delle chiese più famose di Roma. Insieme alla chiesa di San Pietro, a Santa Maria Maggiore e a San Paolo fuori le mura è una delle quattro basiliche papali della Città Eterna. Inoltre, fa parte di un grande complesso monumentale che include il grande obelisco, il Palazzo del Laterano ed il Santuario della Scala Santa.

Il suo vero nome è Basilica del Santissimo Salvatore e dei Santi Giovanni Evangelista e Giovanni Battista. È la chiesa più antica del mondo, perché è stata edificata 14 anni prima della fondazione della Basilica di San Pietro. Inoltre è la chiesa episcopale del Papa come Vescovo di Roma, perciò solo il Santo Padre può celebrare la messa dal suo altare.

 

La storia della Basilica

Le origini della Basilica di San Giovanni in Laterano risalgono al IV secolo d.C.. La famiglia dei Laterani a quell’epoca decise di edificare il palazzo in una zona dell’antica Roma chiamata Horti Laterani. Successivamente divennero di proprietà di Fausta, moglie dell’imperatore Costantino. Secondo la tradizione, proprio l’imperatore ordinò di costruire una grande basilica accanto al palazzo per ringraziare Dio, dopo la vittoria di Ponte Milvio nel 312 d.C.. Fausta, in un secondo momento, decise di donare i terreni e il palazzo a papa Melchiade, affinché vi stabilisse la propria residenza. 

La Basilica di San Giovanni in Laterano, come molte altre chiese di Roma, subì molte modifiche e fu arricchita di opere d’arte nel corso dei secoli. Un esempio è l’affresco di Giotto che raffigura Papa Bonifacio VIII nell’atto di indire il primo Giubileo del 1300. L’ultima modifica, per volere di papa Innocenzo III e per mano del Borromini, risale al XVII secolo. L’artista decise di racchiudere le antiche colonne della navata centrale in nuovi pilastri, alternandoli con degli archi. Realizzò poi delle nicchie all’interno delle quali possiamo ancora ammirare le imponenti statue dei dodici Apostoli, tra cui spiccano San Paolo, San Pietro e San Giovanni Evangelista.

La navata centrale termina con un grande arco trionfale, dietro il quale è situato l’altare papale sormontato da un pregevole tabernacolo risalente al Trecento. Sopra l’altare, all’interno di preziose custodie d’argento, sono racchiuse le reliquie dei santi Pietro e Paolo. Il soffitto a cassettoni, progettato da Pirro Ligorio e realizzato da Daniele da Volterra, è decisamente d’impatto. Anche l’incantevole pavimento in marmi policromi è degno di nota. 

 

Il Chiostro Lateranense e il Santuario della Scala Santa

Accanto alla basilica sorge il Chiostro Lateranense, il più grande di Roma. Il Chiostro risale alla prima metà del Duecento ed è un esempio dell’architettura cosmatesca. Al centro del cortile interno si trova il Pozzo della Samaritana risalente al IX secolo d.C.. Vi si può accedere attraversando dei passaggi delimitati da statue di sfingi e leoni che fungono da basamento per le colonne. 

Una volta finita la visita alla Basilica, non potete non visitare il Santuario della Scala Santa, meta di pellegrinaggio per i credenti di tutto il mondo.

Secondo la tradizione Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, recatasi in Terrasanta, fece smontare e trasportare a Roma la scala salita da Gesù poco prima di essere crocifisso. Oggi la scala, di 28 gradini, può essere percorsa solo in ginocchio.

In cima alla Scala Santa vi è il Sancta Sanctorum. È la Cappella privata dei Papi, ancora oggi ritenuto uno dei luoghi più sacri del mondo. A riprova di questo, sotto l’affresco principale, una frase in latino recita: “Non esiste al mondo luogo più santo”.

Infine, una piccola curiosità. Chiunque si appoggi ad una delle colonne della navata centrale della Basilica, può colloquiare con un interlocutore appoggiato dalla parte opposta, senza che nessun’altro possa sentire. Provare per credere! 

 

La Basilica di San Giovanni in Laterano racchiude al suo interno innumerevoli tesori. E tu, hai mai visitato la chiesa? Raccontaci la tua esperienza!

Articolo di Renata Tanda

Iscriviti per ricevere news su Roma

Scopri gli eventi su Roma

Entra nella nostra chat telegram

Contattaci per assistenza