Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comune di Roma: tra la storia, l’arte e la gastronomia

 

comune di roma
comune di roma

Roma è una città collinare, che sorge sul fiume Tevere, e si estende per 1.285km² contando
quasi tre milioni di abitanti, ed è il comune più popoloso ed esteso della nazione italiana.
E’ la capitale nazionale dal 1871, a seguito di Torino, la prima capitale, e Firenze. Le origini di Roma sono antichissime, venne fondata prima della nascita di Cristo, più precisamente nel 753 A.C. Una città pulsante, carica di vita e di iniziativa. Visitare Roma
almeno una volta è d’obbligo per ammirare le sue bellezze artistiche ed architettoniche. Il
comune di Roma è considerato uno dei più belli del Mondo, per la sua affascinante storia,
per il suo contenuto artistico ed architettonico, ed è a Roma che si trova una delle “nuove 7 meraviglie del mondo”: Il Colosseo.

Un po’ di storia

Roma è stata la prima metropoli della storia, cuore di una delle più importanti civiltà antiche,
fautrice di benessere e svago. Luoghi ed attività come i centri termali ed i giochi olimpici hanno avuto origine proprio grazie al popolo dell’antica Roma, ma non solo, oltre a ciò il popolo Romano ha portato innovazione alla civiltà, poiché gli si attribuisce l’invenzione degli acquedotti e fognature.
L’antica Roma ha influenzato la società, la cultura, la lingua, la letteratura, l’arte,
l’architettura, la filosofia, la religione, il diritto e i costumi dei secoli successivi, portando la propria tradizione ai popoli allora chiamati barbari, o estranei alla cultura romana, e civilizzandoli secondo gli usi e i costumi dell’antica Roma, lasciando così un’impronta indelebile nelle tradizioni delle popolazioni sottomesse, insegnando la dottrina Cattolica, il Latino ed i giochi.

Cosa fare una volta a Roma.

Il comune di Roma è molto trafficato, ma i mezzi e la metro potranno essere usati comodamente, anzi ve li consiglio per evitare spiacevoli imbottigliamenti e ZTL. Spiegare come visitare Roma non è affatto semplice, è una città dove non basterebbe un mese per goderla a pieno, ma immaginando che il vostro tempo sia contenuto, cercherò di fornirvi una guida dettagliata su cosa assolutamente non deve mancare nella vostra permanenza Romana.
Una volta giunti a Roma, a due passi del centro storico potrete visitare: Il Colosseo, il foro romano ed il colle palatino.

Per poi spostarvi nella zona del centro più attuale e commerciale, dove vedrete il Phanteon, la fontana di Trevi e piazza di Spagna, passando in via dei Condotti, dove troverete le migliori boutique per lo shopping. Se vi piace andare per musei, Roma è ricca di proposta culturale, storica e moderna: sarà possibile visitare il museo borghese, il museo capitolino, il museo etrusco e la galleria d’arte moderna. Insomma, come potete leggere c’è davvero tanto, e vi assicuro che è tutto stupendo, affascinante. Visitando Roma scoprirete bellezze antiche assaporando tutti i suoi tremila anni di storia.

I bucatini all’amatriciana.

Un piatto tradizionale, tipico della cultura Romana, sono i bucatini all’amatriciana. In origine un piatto nato delle campagne abruzzesi, come pietanza tipica dei pastori, rivisitato e presentato nelle locande di Roma, da alcuni cuochi, provenienti dall’Abruzzo, appunto; facendolo così conoscere al mondo intero dal 1700 circa. Nella vostra permanenza capitolina non potrete, e non dovrete, per gli appassionati del genere, farvi mancare i Bucatini all’amatriciana; Protagonisti sono due ingredienti radicati nella cucina romanesca: il guanciale, ed il pecorino romano. Gli spaghetti o i bucatini all’amatriciana sono un piatto che potrete trovare in diverse osterie, che siate un gruppo di amici o per una cena al lume di candela vi consiglio caldamente di tenere in considerazione l’opzione di gustare questa splendida pasta tipica, tanto semplice quanto deliziosa.

Sei già stato a Roma? Scrivicelo qui sotto nei commenti  e se ti piace l’articolo condividilo

Articolo di Vitto Came

Iscriviti gratis per ricevere news su Roma

Prenota un Hotel

Contattaci per assistenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *