Coli: tra natura e cultura, il luogo ideale in alta val Trebbia - Oj Eventi

Coli: tra natura e cultura, il luogo ideale in alta val Trebbia

Val Trebbia

In Val trebbia, zona nota per i graziosi paesi che ospita, si trova Coli. Sorge tra le pendici del monte Sant’Agostino e la valle Curiasca, che prende il nome da un torrente che affluisce al fiume Trebbia. Il territorio si estende per circa 30 km, ha diverse frazioni limitrofe con diverse attrattive. Questo luogo è ritenuto bello da vedere e visitare in tutte e quattro le stagioni, ma è un’ideale luogo di villeggiatura estiva. I tanti corsi d’acqua delle zone, gli appennini che le fanno da cornice rendono un week end o una vacanza rilassante e rigenerante. Boschi e pinete, Chiese e castelli, storia e natura, per non farti mancare nulla.

Coli, un paese colmo di storia

Coli si trova in provincia di Piacenza, in Emilia Romagna. Si pensa che derivi probabilmente da una popolazione ligure che nel primo secolo D.C. si insediò nel territorio per conquistarlo. Nello stesso periodo fu edificata la Chiesa di Coli dedicata a San Vito. In seguito la zona divenne territorio dei romani.

Nel 1300, periodo feudale, il paese fu nelle mani della famiglia Grassi, ai tempi molto potente e schierata dalla parte dei Ghibellini. La famiglia Grassi fece costruire il Castello di Magrini, che mantenne per più di un secolo, fin quando il forte non passò alla famiglia Nicelli.

Nel sedicesimo entrò a far parte del Ducato di Parma e Piacenza fino ai primi anni del 1800 quando il Ducato venne incorporato all’interno dell’impero francese per opera di Napoleone Bonaparte, solo con la sua caduta il Ducato di Parma e Piacenza acquisì nuovamente la propria autonomia nel 1814. Coli appartiene al Ducato fino al 1860.

Luoghi da visitare a Coli: le chiese

Eremo San Michele

Eremo San Michele

  • Chiesa parrocchiale di San vito , Modesto e Crescenzia

La chiesa antica risale all’anno 1000 ed è stata restaurata così come oggi la conosciamo nel corso del 1700 e 1800. All’interno sono presenti affreschi di pregevole fattura. Da ammirare la croce di San Michele, scolpita in pietra. Andò perduta a causa di un evento franoso, fu recuperata dalle acque del Curiasca nel 1860 ed oggi è custodita all’interno della Chiesa.

Altre importanti Chiese sono visitabili a Coli e frazioni limitrofe, con Architetture notevoli e storie suggestive.

  • Chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo, si trova nella frazione di Aglio.
  • Chiesa di Santa Cecilia, si trova nella frazione di Santa Cecilia.
  • Chiesa parrocchiale di Sant’Anastasia, si trova nella frazione di Scabiazza.
  • Chiesa parrocchiale di San Lorenzo di Rossopiana, si trova nella frazione di Rosso.
  • Chiesa parrocchiale di San Luigi Gonzaga, si trova nella frazione di Perino.
  • Eremo di San Michele detta anche Spelonca

In una zona tranquilla, seguendo il sentiero del torrente Curiasca, troviamo la grotta di San Colombano. In questa zona si dice che il Santo volle passare i suoi ultimi periodi terrestri come era abitudine fare per i monaci del tempo. Egli volle realizzare con le proprie mani questo piccolo e suggestivo luogo di culto ed ancora oggi è meta di molte visite e preghiere.

Luoghi da visitare a Coli: i santuari

  • Santuario di Sant’Agostino

Il Santuario risale al 1622, data in cui venne costruito per decisione del Vescovo di Bobbio, Francesco Maria Abbiati, l’Agostiniano. Nel tempo ha subito diversi restauri. In una delle facciate è presente una notevole statua di Sant’Agostino in marmo, realizzata nel 1968 dallo scultore Paolo Perotti. Ogni anno è in questo luogo che si celebra la festa del Santo Patrono.

  • Santuario dell’apparizione della Vergine di Fatima

Si trova nella frazione di Filippazzi. Viene costruito nel 1987 in onore dell’apparizione della Madonna di Fatima in Portogallo. È presente al suo interno una statua in omaggio alla Madonna che fu benedetta da Papa Giovanni Paolo 2°.

Il fascino senza tempo dei castelli

Diversi castelli o ciò che ne rimane sono visitabili a Coli o zone circostanti. Impregnati di storia, arte e architettura sono luoghi che consigliamo di vedere. Molti di essi sono immersi nella natura. È un paese con diversi corsi d’acqua, boschi, pinete. Vanta paesaggi e panorami di spessore, un paio di giorni in questa località non possono fare che bene al tuo “io interiore”

  • .Castello dei Magrini: costruito dalla famiglia Grassi, passa successivamente alla famiglia Nicelli dopo che i primi decisero di spostarsi al Castello di Faraneto. Ufficialmente resta in possesso ai Nicelli fino al 1860, ma già da un po’ aveva perso le sue funzioni militari. Venne distrutto da cause naturali nel corso del 1900, oggi sono ammirabili i resti del forte.
  • Castello di Faraneto: anche questa fortezza è stata edificata dalla famiglia Grassi, che ci abitò dopo aver ceduto il castello dei Magrini alla famiglia Nicelli. Risiedettero qui fin quando non si trasferirono a Piacenza nel 1600. Successivamente il forte venne venduto a privati che ne fecero una residenza di campagna. Tutt’oggi non è possibile visitarlo dall’interno ma si può ammirare la sua imponenza dall’esterno.
  • Torre di Macerato: superstite di un castello ben più grande che passò nel tempo di mano in mano a famiglie potenti e importanti. Tra cui Anguissola e Caracciolo. Venne poi venduto ad agricoltori locali. Vicino troviamo il castello di Pozzo, la cui caratteristica particolare sta nel cortile, contornato da antiche case in Sasso.
  • Vecchio Municipio: a fine settecento viene adibito a Ostello. Viene restaurato due volte, la prima nel 1981 e la seconda nel 2011.

Natura, sport, gastronomia

Trekking

Trekking

I sentieri con i diversi torrenti che attraversano o costeggiano Coli, rendono le passeggiate davvero suggestive. Alcune zone sono immerse nel verde, si respira aria pura, tipica della Val Trebbia, il clima è ideale tutto l’anno ma in estate col caldo torrido la rendono una meta ancora più ambita.

Per gli sportivi è possibile fare trekking, escursioni in mountain-bike. Nel centro abitato è presente un impianto sportivo notevole. Dal 2013 in Val Trebbia è stato aperto un parco avventura che è meta di turismo per coppie, comitive di amici, single, persone tranquille o spericolate. In estate è possibile assistere alla festa dell’allegria dall’8 al 10 Agosto, con folklore e tradizione, musica e balli antichi, strumenti musicali di vari tipi, guidano e animano le feste. La gastronomia tipica dell’Emilia Romagna famosa in tutto il mondo. Prodotti tipici da poter assaggiare o acquistare.

Un benessere multisensoriale che non è semplice trovarlo in un unico luogo. Coli esercita questo potere su chi sceglie di andare a visitarla o trascorrerci anche solo qualche giorno.

E tu che ne pensi? Ti piacerebbe godere di questi meravigliosi paesaggi? Immergerti nella suggestiva Coli e viverla in tutto il suo splendore ? faccelo sapere nei commenti!

Articolo di Daniele Finocchiaro

Iscriviti per ricevere news su Piacenza

Scopri gli eventi su Piacenza

Entra nella nostra chat telegram

Contattaci per assistenza

Lascia un commento