Canavese: Montagne, buon vino, storia in Piemonte - Oj Eventi

Canavese: Montagne, buon vino, storia in Piemonte

Canavese

In questo articolo entreremo nel verdeggiante Canavese, scoprendo montagne sacre, i borghi storici con i vini tipici e alla fine un posto segreto che solo chi conosce veramente il Canavese può trovare.  Quando cerchi un luogo che riesce ad accontentare sia chi adora i trekking che chi ama sorseggiare un buon vino all’aria aperta, stai pur certo che il Canavese accontenterà entrambe le parti.

La zona del Canavese molto probabilmente prende il nome dall’antico abitato di Canava che era situato sul monte Quinzeina e comprende la zona tra Torino e la Valle d’Aosta.  Le particolarità di questa zona sono le montagne incredibilmente suggestive e i suoi antichi borghi ricchi di tradizioni e vini pregiati inimitabili.

Dunque legate bene le scarpe e partiamo alla scoperta dei segreti del Canavese.

I monti sacri del Canavese e i misteri che racchiudono

Monti del Canavese

Monti del Canavese

Se cerchi panorami mozzafiato e cultura devi conoscere i Monti Sacri del Canavese. Questi infatti sono così spettacolari e con una storia così incredibile da essere proclamati patrimonio dell’UNESCO.

Di seguito i due monti che dovresti visitare.

Sacro monte di Belmonte

Sembra un gioco di parole, ma di fatto è una meraviglia che ospita panorami incredibili sul Canavese e architettura da lasciare senza parole.  È l’ultimo entrato nella lista dei monti sacri patrimonio dell’UNESCO, famoso per ospitare un santuario dedicato alla Madonna antichissimo.  La sua nascita infatti risale all’undicesimo secolo, per la rappresentazione della passione di Cristo con statue, rigorosamente a dimensione naturale, e dipinti.  Tredici sono le cappelle che si incontrano in questa meraviglia del Canavese, una più impressionante dell’altra accompagnate da un panorama senza confronti.

Sacro monte di Oropa e la sua Madonna nera

Santuario d'Oropa

Santuario d’Oropa

Qui la protagonista è interamente la Madonna a cui si sono ispirate le 19 cappelle oltre al pittoresco santuario di Oropa separato delle sue mura. La storia della Madonna è ben rappresentata in questa meraviglia del Canavese, anch’essa patrimonio dell’UNESCO, che ne descrive la vita in varie pitture nelle cappelle.  La vera curiosità che riguarda il monte sacro è il periodo a cui risale, infatti le strutture risalgono al 1620, anno in cui venne incoronata la madonna nera.

Questo rituale viene eseguito una volta ogni 100 anni, rendendolo assai esclusivo e ricercato.

Oltre alla incredibile storia religiosa del Canavese, adesso ti porto a conoscere i borghi e i comuni che la caratterizzano con le meraviglie che nascondono al loro interno.

I Comuni del Canavese e i loro segreti

Comuni del Canavese

Comuni del Canavese

Il Canavese ospita più di 100 Comuni, in questa parte dell’articolo ti porterò nei tre più misteriosi, ma un quarto merita un capitolo più avanti.

Pronto? Ripartiamo.

Ceresole Reale un borgo immerso nel verde, chi ama la natura ritroverà la pace in questo borgo del Canavese completamente immerso nel verde.

Infatti Ceresole Reale è nato all’interno del Parco Nazionale del Grand Paradiso, costruito vicino al lago caratterizzante, uno spettacolo che in inverno viene incorniciato dalle cime innevate circostanti.

Montalto Dora e il tuffo nel passato

Il Canavese è famoso per i castelli e le strutture medievali che lo contornano, dunque ho deciso di mostrarti qualcosa di incredibileIl castello di Montalto Dora è stato costruito nel XII secolo, dona il suo riflesso al lago Pistono e la sua integrità permette le visite in parte di esso.

Inutile dire che il castello regni sovrano sul borgo, rendendolo un’icona capace di catapultarvi direttamente nel medioevo.

Traversella e il ponte di pietra

Nel Canavese un elemento onnipresente è la sua natura ricca e rigogliosa che fa da contorno ad ogni piccolo borgo.  Traversella è un borgo che ha deciso di attenersi a un’impronta rustica, realizzando il suo centro storico interamente in pietra.

Immaginate la maestosità della città, inoltre vi è un piccolo segreto.  All’uscita del piccolo borgo è stato realizzato un ponte interamente in pietra, realizzato di fronte a una cascata dando luogo a un panorama mozzafiato.

Ora che hai una panoramica di alcune particolarità che puoi trovare nel Canavese, non resta che riposarti sorseggiando un bel calice di vino.

Quale? Ma uno del Canavese ovviamente.

Le cantine del Canavese e i suoi vini

Sai di cosa ha bisogno la vite per fare buona uva? Terra adatta e tanta acqua. Indovina chi ha entrambe le caratteristiche? Il Canavese!

Infatti è ricca di corsi d’acqua e la sua terra è perfetta per la coltivazione delle viti. Inoltre i contadini hanno delle tecniche di vinificazione a regola d’arte, realizzando vini pluripremiati!

I vini tipici sono tendenzialmente tre:

  • Canavese DOC: questo tipo di vino viene realizzato in tutti i tipi di vinificazione regalando un buon vino per tutti i gusti, infatti si realizza il rosé, il bianco, il rosso, lo spumante il Barbera e il Nebbiolo;
  • Erbaluce di Caluso DOCG: questo vino bianco è una specialità del posto, ha ricevuto numerosi premi ed ha tutte le carte in regola per trovarsi nel vostro calice dopo una lunga passeggiata;
  • Carema DOC: dulcis in fundo un rosso unico, prodotto infatti solamente nel comune di Carema.

Prima di salutarti ti regalo un piccolo segreto conosciuto solo dai veri Canavesi, in particolare quelli che abitano il borgo di Montanaro.

La casa fungo di Montanaro, un riparo per gli alieni

Ebbene sì, un signore di Montanaro dopo un lungo viaggio in Australia ha costruito una casa nel bosco nell’attesa dell’atterraggio degli alieni.  L’ha costruita nel suo tempo libero e tutt’ora è possibile visitarla, chiudendo il cerchio del Canavese con un tocco di mistero.

Chissà se un giorno sono mai atterrati su quella casa a fungo che si sarebbe dovuta aprire durante il loro atterraggio.

Ora che hai una panoramica sul Canavese e le meraviglie che ospita, facci sapere con un commento qui sotto quale è il tuo posto preferito!

Articolo di Giorgio Galizia

Iscriviti per ricevere news su Torino

Scopri gli eventi su Torino

Entra nella nostra chat telegram

Contattaci per assistenza